La gestione delle acque

La completa disponibilità di acqua potabile è una delle più importanti conquiste dell’era moderna, ed allo stesso tempo la più sottostimata! E’ infatti incredibile come quasi ovunque nei cosiddetti “paesi civilizzati” sia possibile semplicemente aprire il rubinetto a casa propria per avere tutta l’acqua potabile che si vuole… Ed è altrettanto incredibile come sia facile lasciare semplicemente il rubinetto aperto per sprecarla!! La consapevolezza di quanto sia preziosa l’acqua potabile ci ha fatto impegnare nel corso degli ultimi anni per ridurne il consumo, attraverso l’installazione di appositi dispositivi nel Terminal Passeggeri che ci hanno consentito di risparmiare il 25% dell’acqua potabile, nonostante una crescita di oltre il 26% dei passeggeri. Pensando al futuro, stiamo progettando nuove infrastrutture per riciclare le acque provenienti dalle toilets per utilizzarle in specifiche attività dove non è richiesta l’acqua potabile, come ad esempio le attività di addestramento dei Vigili del Fuoco, o l’irrigazione delle aree a verde.

  • ACQUE SUPERFICIALI

  • Le acque reflue che si originano presso l’Aeroporto di Napoli sono prevalentemente costituite da:• acque domestiche con scarico in pubblica fognatura• acque di dilavamento meteoriche dei piazzali con scarico nei primi strati del suolo e sottosuolo. Gli scarichi sono autorizzati dai rispettivi Enti di Competenza ai sensi del DPR n.59 del 13/03/2013. Le acque meteoriche di dilavamento dell’area di sedime confluiscono in apposito sistema di drenaggio e trattate con impianto di sedimentazione e disoleazione prima dello scarico su suolo attraverso i campi dreni. Gli impianti di trattamento sono oggetto di un piano di manutenzione e monitoraggio degli scarichi. Programma di Autocontrollo degli Scarichi. Dai monitoraggi effettuati non si sono riscontrati anomalie significative nei punti analizzati, sono rispettati i limiti imposti dalla normativa in vigore. I dati relativi a detto monitoraggio sono di prassi trasmessi agli Enti di Competenza.